Centre for Aesthetics in Practice
community landscapes design
Versione italiana English version Russian version
Home >> Chi siamo

Chi siamo

Il Centre for Aesthetics in Practice è una unità di ricerca, formazione e progettazione del Dipartimento di Filosofia Storia e Beni culturali dell’Università di Trento che svolge le proprie azioni in rete con partner e ricercatori di tutta Europa e oltre (India, Giappone ecc.). Il Centro produce studi, organizza seminari, svolge attività di formazione e di progettazione ispirandosi alle idee ed esperienze del cosiddetto “design esteso” e dell’estetica in pratica. Il Centro ritiene che vi sia oggi bisogno di una ricerca umanistica originale e versata progettualmente, capace di farsi carico del carattere qualitativo, relazionale, esperienziale e concreto delle culture. Sul carattere qualitativo, pratico, concreto ed espressivo delle culture richiamano l’attenzione in maniera sempre più insistita molte organizzazioni internazionali (UNESCO, Consiglio d'Europa, Touring Club Italiano) laddove il successo delle comunità è accordato dalla produzione di beni e primati di civiltà e non dalle semplici tecnologie e procedure distaccate dalla ricerca del senso dell’umano. Il gruppo di lavoro del Centre for Aesthetics in Practice – che raccoglie filosofi ed estetologi, designer, geografi, esperti di cinema, sociologi, teologi, esperti di politiche culturali, linguistiche e del turismo – muove da questi assunti e ha già al proprio attivo importanti esperienze avendo svolto azioni di formazione, progettazione e fundraising per le comunità di minoranza linguistica del territorio nazionale italiano così come per alcuni comuni della Val di Noto (Sicilia) e per la rete delle città storiche russe. Il Centro collabora anche ad azioni di recupero di importanti residenze storiche in Germania e in Italia. Questioni relative alla progettazione turistica, all’analisi qualitativa dei contesti culturali e in genere delle più diverse comunità di pratiche sono già da alcuni anni la sua principale occupazione.

 Il Centre for Aesthetics in Practice indirizza, in sintesi, la propria attività di ricerca alle questioni 1) delle comunità di pratiche 2) del “design esteso” e dell’estetica in pratica 3) della formazione, progettazione e rigenerazione di comunità, luoghi e contesti.

Le azioni del Centre for Aesthetics in Practice sono per questo sempre poggiate su
• l’idea che ogni cultura possiede una sostanza estetica (espressiva e narrativa) “messa in pratica”;
• una concezione “paesaggistica” e scenografica dell’azione e delle espressioni umane;
• un profondo interesse alle diverse comunità di pratiche e alla capacità di design di oggetti e tecnologie;
• la sensibilità per il carattere immateriale ma concreto delle culture;
• una nuova attenzione all'interazione tra contenuto “plurale” e contenuto “singolare” delle culture;
• una profonda conoscenza delle teorie ed esperienze maturate nel contesto del “design esteso”;
• l’impiego di strategie di ricerca e progettazione qualitative, anche derivate dalle arti (cinema, fotografia, scenografia, retorica, nuovi media);
• la critica della decostruzione antropologica (forte riferimento all’antropologia filosofica e alla teologia);
• la centralità dell’idea di rigenerazione;
• un’ampia competenza nella teoria e nella pratica delle politiche culturali in Europa;
• l’assunzione di una logica di rete che integra i profili locali con quelli transnazionali;
• la convinzione che progettisti e amministratori debbano rinnovare la propria cultura di progetto;
• la partecipazione delle comunità non “specialistiche” alle pratiche di progettazione.